Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /home/europada/public_html/application/library/Php/xmlrpc.inc on line 583
Economia Paesi Bassi
Turismo in Paesi Bassi Visitare Paesi Bassi, una guida alle città da visitare e al turismo in Paesi Bassi

Economia Paesi Bassi

I Paesi Bassi hanno un'economia prospera ed aperta, nella quale il governo ha alquanto ridotto il proprio ruolo a partire dagli anni '80. Il settore pubblico raccoglie comunque il 46% del PIL. Essendo uno dei 12 membri della prima ora dell'unificazione monetaria europea, il 1° gennaio 1999 i Paesi Bassi hanno sostituito il fiorino olandese con l'euro, anche se la nuova valuta ha fatto la sua comparsa fisica solo nel gennaio del 2002.

Le principali attività economiche

Come in gran parte delle economie più sviluppate, il principale settore economico è quello dei servizi, che contribuisce molto più della metà del PIL. In particolare sono importanti le imprese di trasporto e distribuzione, le banche e le assicurazioni.

L'attività industriale ed estrattiva fornisce circa il 30% del PIL. Le industrie più sviluppate sono quella chimica, quella alimentare, quella elettrica ed elettronica e quella delle costruzioni. I Paesi Bassi sono anche importanti produttori di gas naturale.

Il settore agricolo contribuisce circa il 4% del PIL, ed impiega una uguale frazione della popolazione attiva. Grazie all'elevata meccanizzazione, l'agricoltura olandese fornisce grandi surplus che possono essere destinati all'industria alimentare od esportati. I Paesi Bassi sono al terzo posto al mondo per valore delle loro esportazioni agricole.

Il settore agricolo

Piccolissimo paese, i Paesi Bassi sono un colosso agricolo. Due le ragioni: l’altissimo livello della sua tecnologia agronomica, frutto dell’Università di Wageningen, sola università agraria nederlandese, ma tale da eguagliare il prestigio delle prime quattro facoltà di agraria americane, e l’inserimento dell’agricoltura in un sistema mercantile di prima grandezza.

Nei Paesi Bassi non si produce nulla senza precisi disegni agrocommerciali. Così il grandissimo allevamento da latte si fonda sui sottoprodotti dell’industria alimentare americana sbarcati, a Rotterdam, con efficienza senza eguali, e condotti ad aziende a pochi chilometri, dove vengono integrati con un poco di pascolo.

La patata è inserita in un disegno di produzione di “tuberi seme”, costoso prodotto genetico da vendere a tutto il mondo, e di trasformazione industriale del raccolto, i maiali sono allevati con gli stessi sottoprodotti dei bovini, e venduti in tutta l’Europa unita. Poi ortaggi in serra che, nonostante gli svantaggi del clima, competono con quelli siciliani e spagnoli, , pollame. Dove si possa produrre per un mercato, gli agenti di una cooperativa nederlandese studiano come battersi con quanti altri produttori possano mirare a quel mercato.

I fiori,sono un articolo tradizionale del paese: il settore più noto è sicuramente quello di fiori da bulbo ed i tulipani che, a partire dal XVII secolo, sono diventati una sorta di simbolo nazionale.

Bandiera Paesi Bassi

Paesi Bassi

  • Superficie: 16318199
  • Capitale: Amsterdam
  • Lingua: neerlandese, frisone
  • Ordinamento: Monarchia costituzionale
  • Prefisso telefonico: Paesi Bassi
  • Targa: NL
  • Moneta:

mappa Paesi Bassi Mappa Paesi Bassi